Bubble Witch Saga 2: tutto un altro mondo!

Se ti piacciono i social e mobile game, King ha rilasciato il sequel di Bubble Witch Saga, lo sparabolle dal sapore di stregoneria e incantesimo. Se sei rimasto un po’ deluso dalla prima versione, ti consiglio di dare una seconda chance a questa saga che, rinnovata nei contenuti e nell’aspetto, risulterà più interessante.
Quali sono le differenze tra di Bubble Witch Saga 2 e la prima versione del gioco?

bubble_witch_saga_2

Bubble Witch Saga 2: quali le novità

La prima e più evidente novità del secondo capitolo della saga è la grafica: accantonato il cupismo, si fa spazio un’ambientazione decisamente più solare e, senza dubbio, gradevole. Un restyling migliorativo, sia nei tratti somatici che nell’abbigliamento (molto più glamour), ha coinvolto i personaggi (la protagonista Stella su tutti) e gli scenari di gioco: con questi cambiamenti King (la casa produttrice nota ai più per la saga Candy Crush) vuole dare un tocco di freschezza a un prodotto che – nella sua precedente versione – non è ingeneroso definire piatto.

Messaggi colorati, dinamici e frizzanti coumincano successi e fallimenti al giocatore, decisamente più accattivanti delle scialbe scritte in font gotico che animavano gli schemi della prima edizione.

Oltre alla grafica, le novità della seconda versione riguardano anche il gioco: se Bubble Witch 1 non era che il solito spara-bolle (a parte alcune e non particolarmente significative varianti) composto da una serie di schemi piuttosto ripetitivi, la nuova versione propone un gioco più entusiasmante e avvincente.

Bubble Witch Saga 2: come si gioca?

Lo scopo del gioco è ancora  aiutare la steghetta Stella nella liberazione del Paese da spiriti maligni, ma accanto alla  modalità di gioco “classica” trovi – in un crescendo di difficoltà – altre due diverse modalità di gioco.

Oltre alla tradizionale eliminazione delle palline colorate sullo schermo, combinandone almeno tre dello stesso colore, c’è una nuova e più stimolante modalità ( applicata solo ad alcuni livelli): il ghost mode .

Nel ghost mode  lo schema delle palline colorate è come una girandola al cui interno c’è un fantasma da liberare con l’eliminazione delle bolle.

A ogni sparo, lo schema si muove, a seconda della direzione impressa dalla pallina che colpisce la “girandola”: per superare il livello (liberando il fantasma) è indispendabile impostare una strategia vincente. Procedendo nel gioco, a rendere il tutto un po’ più complesso c’è il ridotto numero di palline disponibili: una variante che stimola intuizione, organizzazione e precisione, ben lontano dall’ormai superato sparabolle tradizionale.

Una terza modalità di gioco, invece, prevede che – con ogni lancio delle palline – si liberino alcuni animali.

Il gioco predispone delle palline speciali come l’arcobaleno che permetterà di eliminare le palline dello stesso colore o il fuoco che elimina tutte le palline che tocca. A completamento del panorama, ci sono extra vite, super poteri e altre facilities che possono rendere più facile la vittoria sul campo. A tal proposito, non sono mancate critiche di chi ritiene eccessiva la quantità di bonus che finiscono per disorientare il giocatore.

Bubble Witch Saga 2 non è solo su Facebook, ma è anche un app per Android e iOS
Per giocare a Bubble Witch Saga 2, si può
– collegarsi alla pagina Facebook
– scaricare l’app per Android
– scaricare l’app per iOS 

Finora, per la versione Android, il gioco ha ricevuto buoni feedback dagli utenti, ma in molti lamentano la necessità di acquistare vite per procedere nel gioco o del “capriccio” del sistema nel proporre palline inadeguate alla conclusione degli schemi.

Informazioni e consigli: dove posso trovarli?
Sul sito ufficiale della King ci sono alcuni consigli, ma per rimanere sempre aggiornati il suggerimento è di controllare frequentemente la pagina ufficiale su Facebook 

Il giudizio su Bubble Witch saga 2

Bubble Witch Saga 2 è un piacevole gioco che non sembra proprio il sequel della prima versione. King è riuscita a innovare e rendere coinvolgente un classico come lo sparabolle: piogge di palline, una sprizzante streghetta e tonalità briose che richiamano quelle di Candy Crush hanno dato nuovo smalto a un gioco che non mancherà di appassionare e incantare.

Ti consiglio di leggere anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *