Facebook o Google+? Scopriamo le differenze

I Social Network sono diventati negli ultimi anni uno strumento utile e indispensabile per interagire attivamente  con amici, parenti e terze persone, grazie al comodo sistema di sharing che trasferisce immagini e foto personali in tempo reale, permette di chattare con più utenti contemporaneamente, comunica il proprio stato d’animo, mediante la condivisione di pensieri e parole.
Confronto Facebook Google+

Facebook e Google+, per esempio, sono solo due fra i nomi che compaiono nella lunga lista delle Community che si fanno spazio nel vasto popolo di Internet, stimato attorno a 1 miliardo e 13 milioni circa di utenti. Facciamo quindi il punto della situazione per scoprire brevemente quali le differenze tra questi due social network.

Come funziona Facebook?

Ormai il suo nome è celeberrimo, Facebook ha un posto in vetta alla lista nella “hall of fame” dei social network; è considerato il padre di tutti i social.

Il funzionamento di Facebook può essere definito “user friendly” ossia di facile comprensione con un’interfaccia gradevole e un tema cromatico in grado di non stancare la vista all’utente. 

Attraverso Facebook l’utente può facilmente connettersi ovunque esso si trovi con i propri amici o parenti condividendo ogni tipo di risorsa permessa attualmente dalla rete (video, immagini, testi). 

Le novità introdotte da questo social network, sono state il pulsante “Like”, che ha rappresentato una vera rivoluzione culturale soprattutto nei giovani, e la possibilità di creare gruppi di aggregazione e pagine d’interesse con un target di riferimento mirato ai propri interessi o per soddisfare personali esigenze.

Oggi è quasi scontato, se non addirittura fondamentale, avere un proprio profilo personale su Facebook o una pagina attività.

Per saperne di più su questo social network, ti consiglio di visitare la sezione dedicata alle funzioni di Facebook (dall’iscrizione alla gestione del profilo).

Come funziona GOOGLE+?

Nato qualche anno fa, il social firmato “Google”, detto appunto “plus”, sta acquisendo terreno nonostante la feroce concorrenza del suo rivale d’eccellenza Facebook.

La crescita di Google+ è frutto delle politiche operative che il noto motore di ricerca ha gentilmente “imposto” agli utenti. L’apertura di un profilo su Google avviene in automatico quando si crea un account per usufruire dei servizi di Google (o parte di essi), quali per esempio Gmail, Hangout, Youtube, Blogspot.

Nei piani dell’industria madre di Mountain View tutto deve passare attraverso Google+.

La novità introdotta da Google+ sono le cerchie, un modo educato per creare una rete di amicizie che condividono gli stessi interessi dell’utente iscritto.

Con Google+ è possibile scrivere il proprio blog in forma di diario, con un’interfaccia semplice e nello stesso tempo immediata da comprendere. Un utente può scegliere di seguirne altri senza che costoro debbano a loro volta far parte delle sue cerchie (i cosiddetti “followers”).

Quale la differenza tra GOOGLE plus e Facebook?

Le architetture dei due social pur sembrando apparentemente uguali sono molto diverse. Google punta più ad un’utenza di tipo “business”, mentre Facebook persegue prima di tutto le esigenze degli utenti “home”, anche se negli ultimi tempi questo social sta tentando di fare passi lunghi nella realtà degli affari (comprando ulteriori servizi ed applicativi per la telefonia per esempio, vedi Whatsapp).

Google+ si presta bene a qualunque attività ruoti intorno ai siti web, i blog e Youtube. Il motore di ricerca, infatti, favorisce chi fa uso dei suoi social service; Facebook invece va bene per comunicare brevi e veloci messaggi concernenti la personalità dell’utente, i suoi spostamenti e la sua voglia di fare “fama”. Sotto questo punto di vista Facebook scopiazza un po’ da Youtube, non mostra il numero di visualizzazioni, ma i cosiddetti “mi piace” conferendo a chi li possiede un certo grado di popolarità.

Conclusioni

I due social network si daranno battaglia senza dubbio offrendo, con il progresso informatico, nuove soluzioni “stay connected” per migliorare in parte la qualità della vita ed in parte la possibilità di fare profitti e generare business.

Al momento possiamo terminare dicendo che tanto Google+ che Facebook rappresentano per il moderno internauta una risorsa indispensabile per la propria attività.

Autore
Nicoletta Giudetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *