Perche delle email buone finiscono nella cartella spam?

Messaggio emailMolti dei nostri utenti ci segnalano un problema, relativo alla posta elettronica, che è molto più diffuso di quanto non sembri. In pratica, non ricevono la posta elettronica di mittenti fidati, che invece va a finire… nella casella dello Spam.

Ovviamente, questa casella nel client deve esserci, perché le mail inutili e a volte anche dannose sono tantissime, ed è giusto che vengano eliminate. Ma se io mi iscrivo ad una newsletter significa che sono interessato agli argomenti di cui tratta: e allora perché quei messaggi finiscono tra gli indesiderati?

Perché i servizi di posta elettronica sbagliano a catalogare lo Spam?

Questo problema è diffuso non solo con le newsletter, ma anche con le mail provenienti da mittenti seri, che magari conosciamo personalmente. Per questo rischiamo di perdere messaggi di posta elettronica anche molto importanti per il nostro lavoro o per la vita privata.

Il problema è che i servizi di posta elettronica non catalogano lo Spam con una mente umana, bensì con un algoritmo che valuta una serie di aspetti, tra cui le parole contenute nelle mail.

Gli argomenti trattati da TagliaLaBolletta, cioè energia e telefonia, purtroppo sono tra gli argomenti oggetto della maggior parte delle Spam vere e proprie (le mail Spam sono quelle che non dicono nulla, che non hanno contenuto valido e intasano solo le caselle) e per questo molti client, se ci sono parole come energia, linea fissa, libea mobile e così via le cestinano senza troppi complimenti.

Il che significa che se un amico vi manda una mail con scritto “Guarda che bolletta cara che mi è arrivata”, con il fatto che c’è scritto “bolletta” ci sta che venga cestnata anche la sua.

Un altro motivo per cui la mail diventano spam è che per un po’ di tempo non leggiamo le mail che arrivano da un certo mittente. Se tutte le volte che arrivano non si aprono, quelle si accumulano e a un certo punto il client inizia a considerarle Spam, per cui se una mail non vi interessa subito leggetela comunque, per evitare di cadere in questo meccanismo.

Come evitare di perdere le mail di qualità

Il trucco migliore per evitare che le mail che vi interessano finiscano nella casella Spam è quello di aggiungere il mittente alla rubrica. Le mail che ci giungeranno da un indirizzo che si trova tra i contatti non saranno mai considerate Spam, perché si presuppone che conosciamo il mittente.

Per questo motivo, per risolvere una volta per tutte il problema bisogna agire in questo modo:

  • Entriamo nella nostra casella di posta elettronica e raggiungiamo la sezione “Spam”, o “Posta indesiderata”. Quindi scorriamo le mail che sono presenti all’interno fino a trovare quella che ci interessa.
  • Entriamo all’interno di quel messaggio, quindi premiamo con il mouse (o con il dito, da smartphone o tablet) sul campo “Da:”, dove si trova l’indirizzo del mittente: scegliamo quindi Aggiungi alla rubrica, o Aggiungi ai contatti, dal menu che si aprirà.

A questo punto chiaramente le mail che sono già nello Spam non verranno recuperate, ma quelle nuove che giungeranno da quel mittente finiranno tra le mail in entrata, insomma le vedremo subito senza doverle cercare nello Spam.

Questo metodo serve proprio a “educare” l’algoritmo che gestisce le mail e lo Spam affinché funzioni proprio come lo vogliamo noi: questo permetterà di distinguere le mail di qualità, interessanti, da quelle obiettivamente inutili.

Autore
Valerio Guiggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *