Come scaricare e configurare Google+ Mobile per iOS e Android?

Molti di voi conosceranno già Google Plus, il social network targato Google nato nel 2011. Qualcuno forse ancora non sa che Google+ è disponibile anche su smartphone e tablet, grazie ad un’applicazione che vi consente di tenere sotto controllo le vostre cerchie di contatti anche in mobilità.

L’app di Google Plus può essere scaricata su App Store e Play Store, ed è compatibile con iPhone, iPad, iPod touch e i dispositivi Android.

Una volta scaricata l’applicazione, dovrete creare un account: vi sarà richiesto di accedere con la vostra mail Google, e se non ne avete ancora una potrete crearla inserendo nome, cognome e nome utente. In seguito dovrete scegliere una password, una domanda di sicurezza e la relativa risposta.
Fatto ciò potrete sincronizzare Google Plus con la rubrica, le foto e gli altri dati contenuti nel vostro smartphone o tablet:  l’account è stato configurato e siete ora pronti per utilizzarlo!

La prima cosa da fare è aggiungere delle persone alle vostre cerchie (Amici, Conoscenti, Lavoro, Famiglia o una cerchia personalizzata), con cui in seguito potrete interagire un po’ come su Facebook: in effetti su Google+ è possibile fare molte delle attività tipiche del social network di Mark Zuckerberg, come per esempio scrivere uno stato, commentare un post, creare album di foto ecc.

Ciò che differenzia Google Plus e la relativa applicazione mobile da Facebook e da altri social network è la possibilità di creare sessioni audio e video, attraverso i cosiddetti “hangouts”: si tratta di videoritrovi per chiacchierare o condividere file con tutti i partecipanti.

Altre funzioni di Google+ Mobile sono la chat Messenger, per parlare in tempo reale con i propri contatti, e Local, che consente di registrare la propria posizione per far sapere agli altri dove ci si trova in quel momento (ristoranti, bar o altro). Interessante è anche la sezione Community, che permette di condividere le proprie passioni con persone che hanno interessi simili.

Ti consiglio di leggere anche:

Autore
Antonino Vento
Tag

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *