Trova la tua identità su Instagram e condividi foto uniche (libro o ebook)

Instagram è uno dei social network che ha ottenuto maggior successo negli ultimi tempi. Molti degli utenti che lo usano sono ragazzi giovani, che pubblicano foto da mostrare ai loro amici e magari sperano di diventare delle “star di Instagram”. Un mondo che per chi cerca di avere successo, diciamo, seriamente, sembra del tutto estraneo, ma se proviamo a capire le meccaniche scopriamo che Instagram può dare più di quello che mostra, come ci spiega il libro di Andrea Antoni: Trova la tua identità su Instagram e condividi foto uniche

Cosa imparerai acquistando questo libro?

Instagram è un social network davvero particolare. Per prima cosa perché è un social a misura di smartphone, e non di qualsiasi dispositivo abbiamo, poi perché spesso è sottovalutato, rispetto a tutti gli altri, come mezzo di marketing. Il marketing diretto (cioè quello che fa guadagnare direttamente da Instagram), infatti, non esiste, come non esiste del resto su Facebook, ma far conoscere il nostro brand, quindi la nostra azienda o la nostra attività, i nostri prodotti e anche noi stessi su questo social è un ottimo trampolino di lancio. Questo perché su Instagram i contenuti sono tanti, mentre i contenuti di qualità sono pochi, e quelli che ci sono necessariamente emergono.

Instagram mette infatti a disposizione molte funzioni, dai commenti ai like, dai filtri ai ritocchi fotografici, passando per menzioni ed hashtag. Tutti strumenti che sono utili quando li sappiamo utilizzare, ed è proprio in questo che il libro ci aiuta. Anche ai “profani” di questo social verrà spiegato che cosa sono questi elementi, come funzionano e come si utilizzano per riuscire a trovare altri utenti che potranno seguirci e vedere, in seguito, gli aggiornamenti che proporremo loro nella nostra pagina.

Il libro è molto lungo, perché si tratta di ben 250 pagine (avreste mai pensato che qualcuno potesse scrivere 250 pagine a partire da Instagram?) che vanno a sviscerare tutti gli aspetti più reconditi di Instagram e ci svelano come utilizzare lo strumento di base per questo servizio: le fotografie. Proporne di originali, saperle scattare, usare i filtri giusti e tutto senza cadere nel banale è una cosa fondamentale per il posizionamento.

Si, perché essere conosciuti su instagram è la base per trovare nuove conoscenze e per un’azione di brand protection da un lato (la protezione del marchio, che interessa soprattutto alle aziende), mentre dall’altro per aspirare a diventare degli influencer, influenzando le scelte degli altri e diventando di interesse per le aziende che proporranno, a pagamento, di pubblicizzare i loro prodotti.

Un libro utile per capire le meccaniche di un social che, ad anni dalla sua creazione, è ancora troppo poco compreso. E questa è un’opportunità.

La struttura del libro

Di seguito, le macro sezioni in cui il libro si sviluppa. 14 capitoli, suddivisi in sezioni più piccole che si possono vedere direttamente dall’estratto gratuito del libro, che coprono nelle 250 pagine di cui si compone tutte le parti di Instagram, così che non abbia più segreti per chi legge questo interessantissimo testo.

  1. Storiagram
  2. Inizio del viaggio
  3. Scattare!
  4. I filtri
  5. Hashtag
  6. Completare l’opera
  7. I Like
  8. #communityfirst
  9. Comunicare con le Immagini
  10. Instafotografi
  11. Video
  12. Vincere l’Instagram
  13. Complementi d’arredo
  14. Tirare le somme

Se vuoi acquistare il libro e avere maggiori informazioni, clicca qui.

Quindi in conclusione …

Trova la tua identità su Instagram e condividi foto uniche è un libro indispensabile per chi vuole capire il funzionamento di uno dei social più interessanti, e in crescita, del momento. Si tratta di un testo in cui l’autore Andrea Antoni ci spiega tutte le difficoltà che lui, prima di noi, ha trovato nell’utilizzare profondamente Instagram.

Chicca di tutto questo è che le cose teoriche spiegate nel libro si possono ritrovare, messe però in pratica, seguendo l’autore direttamente si Instagram: visto che è una persona che ha fatto di tutto questo un lavoro, chi può avere più credito di lui nel dire queste cose?

Ti consiglio di leggere anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *